Ads Top

Coronavirus, insonnia e aumento di peso: i consigli dell'esperto


Uno stile di vita tutto nuovo ai tempi del coronavirus: ci si abitua a una nuova realtà fatta di quattro mura e pochi, pochissimi svaghi. Almeno per il momento, in attesa di una fase 3 che possa concedere qualcosa in più. Intanto gli italiani fanno i conti con abitudini tutte nuove e la comunicazione resta solo social: solo dal 4 maggio si potrà finalmente far visita ai congiunti mentre gli amici e la vecchia normalità sembrano ancora lontani. I social diventano l'unico modo per mantenersi in contatto e fra le esternazioni più comuni una evidenza che riguarda tanti italiani: l'aumento di peso in quarantena. Il motivo risiede nel fatto che il confinamento nelle quattro mura domestiche comporta nuove abitudini, e con queste si modifica naturalmente anche il nostro orologio biologico, e di conseguenza la secrezione di ormoni quali la melatonina che regola il ritmo sonno-veglia che solitamente negli individui inizia intorno alle 21, così come ad esempio intorno alle 2 c’è il picco della fase di sonno profondo, alle 9 picco di produzione del testosterone, alle 10 solitamente massimi livelli di vigilanza (ovviamente variabili da individuo a individuo, ma stabili nello stesso). Non rispettando i normali orari di sonno dunque, come avviene in quarantena, si generano con molta probabilità squilibri che possono portare all’aumento del peso corporeo, ipertensione, malumore o depressione, malattie cardiache, abbassamento delle difese immunitarie e tante altre conseguenze. 

Prontamente allora i consigli dell’esperto: “In questo particolare momento storico è pericoloso mantenere le difese immunitarie basse. La prima regola è ricondurre la nostra vita ad una certa normalità, almeno negli orari, quindi darsi delle regole e fare attenzione all’uso dei dispositivi elettronici quali tablet, pc, telefonini”, spiega il dottor Roberto Avolio, biologo nutrizionista. Fondamentale dunque è una corretta alimentazione atta, nella fattispecie ad aumentare le difese immunitarie. In primis aumentare le porzioni di frutta e verdura (anche 5 volte al giorno). Prediligere alimenti ricchi di antiossidanti come selenio, zinco, Vit C , Vit A , Vit E come ad esempio la frutta secca (inserirla come spuntino). È fondamentale per una sana alimentazione la presenza di cereali integrali e legumi, ricchi di fibre, proteine e carboidrati complessi a basso indice glicemico. “La presenza ottimale di fibre – precisa Avolio - ha lo scopo di fornire specifici nutrienti alla flora batterica intestinale. Talvolta però tale azione viene vanificata da un giusto equilibrio probiotico. In sintesi, per essere più chiari, nasce l’esigenza di introitarli con adeguati integratori. Spesso nei miei piani alimentari prescrivo, l’assunzione di un integratore specifico (Ines Flor capsule), pertinente al momento storico. Sia per lo stress che anche per le difese immunitarie, consiglio in aggiunta un integratore tipo Vibe Multi Energy che ritengo essere efficace e completo, avendo nella sua formulazione di Vit C, Niacina , Calcio pantotenato , Vit A , Vit D , nonché una molecola ad azione antiossidante , l’Astaxantina. Oggi più che mai “a dieta con la mente” è uno stile di vita”.



L'avvento della fase due e la graduale apertura comporterà anche un aumento dei i rischi da coronavirus mentre si fa ancora i conti con le numerose limitazioni stabilite dal governo a tutela della salute pubblica. Ma con la giusta attenzione e la cura del proprio corpo e della propria mente si può superare al meglio il momento. 








Powered by Blogger.